P. Silvano Galli dal Togo: “Anche le sarte hanno la loro cerimonia d'investitura!”

Sono le 5,45 di domenica 27 marzo. Sono ancora in camera. Sento suonare il campanello, due volte, con insistenza. E' la giovane Kondo Assoh con la nonna e la zia. Vengono a ringraziare. Di che cosa?

Qualche anno fa Assoh era venuta a trovarmi. Papà e mamma morti in Nigeria. Viveva con la nonna e la zia. Chiedeva una mano per imparare il mestiere di sarta. Le ho pagato i corsi, nell'agosto 2010 ha passato gli esami, e sabato 26 marzo 2011, la consegna del diploma e degli strumenti di lavoro. Le ho dato ancora una mano per le spese della festa.

Con lei tre altre giovani ricevano il diploma. La cerimonia è iniziata nel primo pomeriggio. Il villaggio è riunito, in cerchio, nell'allea dei manghi, all'altezza dell'abitazione dell'insegnante. Accanto all'insegnante il rappresentati del sindacato delle sarte e i notabili del villaggio.

Chiedono a me di iniziare con una preghiera. La cerimonia si apre con delle danze per creare un'atmosfera di festa. Le danzatrici sono irrorate di caramelle. Poi si presentano le 4 elette, anche loro esibendosi con una serie di danze e ricevendo caramelle a non finire. Arrivano davanti alla loro insegnante.

Su un tavolo, ricoperto di un drappo bianco, ci sono quattro piatti con gli attrezzi del mestiere. Ogni ragazza è chiamata per nome, si avvicina. La maestra le presenta i vari strumenti, un metro, delle forbici, aghi, spilli, e altro: la candidata deve riconoscerli, dirne il nome e l'uso, poi li prende, sono gli strumenti del suo lavoro.

Arriva il momento centrale: la consegna dei diplomi. Jacqueline - la maestra insegnante che ha formato le quattro candidate - chiede a me di offrire il diploma a Kondo Asso.

Alla fine la maestra offre a ciascuna delle allieve un dono. A passi di danza di avvicina ad ognuna e le mette nelle mani un grosso specchio.

Nelle foto: le danze iniziali, la quattro candidate che arrivano danzando, le candidate davanti alla loro insegnante, l'insegnante che offre ad Assoh Kondo gli strumenti di lavoro, la consegna del diploma, l'offerta dello specchio.

Un caro saluto.

P. Silvano Galli - B.P. 36 Sokodé-Kolowaré (Togo)
gal apr 11 a
gal apr 11 c
gal apr 11 e
gal apr 11 b
gal apr 11 d
gal apr 11 f


Leggi le altre lettere che ci sono arrivate dall'Africa

SMA, via Borghero 4 - 16148 Genova - info(at)missioni-africane.it - Web Design & CMS RossiWebDesign/Siti Web Genova