La decisione giusta al momento giusto (7)

Gli anni a Padova sono trascorsi molto intensamente fino al 1999 quando Alberto si è laureato.
Il mio impegno in parrocchia ricominciò a pieni ritmi. Seguivo il consiglio pastorale, un gruppo di Azione  Cattolica e per quanto riguarda il mio impegno lavorativo, lavoravo in una casa di riposo a Padova come infermiera.
A gennaio 2001 decidemmo la data del matrimonio, che si celebrò l'8 dicembre dello stesso anno.
I preparativi per la ristrutturazione della casa partirono subito a gennaio, ed anche quelli del matrimonio. Eravamo dell'idea di fare le cose con calma per poterle godere pienamente.
Nel frattempo Alberto aveva cambiato un paio di lavori, ma l’ultimo ossia quello di docente per dei corsi organizzati dalla comunità euripea, erano quelli che lo facevano viaggiare e lavorare molto. Più lavorava più guadagnava, ma dopo un po’ di tempo si chiese il perchè di tanto affanno. Sentiva dentro il suo cuore che qualcosa non quadrava.
Una sera gli chiesi: "Che cosa ti piacerebbe fare? Cosa ti renderebbe felice? Quale lavoro ti farebbe alzare ogni mattina soddisfatto e sorridente di quello che stai professionalmente facendo?"
La risposta fu il microcredito. Un tipo di economia che si concretizza con dei  finanziamenti ai poveri nel sud del mondo. Si avvale di una banca che ergoga prestiti alle persone che, come unica garanzia spesso hanno la parola, la buona volontà, la fama nella comunità e un lavoro che sono in gradi di eseguire (dal vendere e/o confezionare vestiti, pescare, a qualsiasi forma di lavoro onesto).
Ma dove si  poteva fare microcredito in quegl'anni? Principalmente in terra di missione. Così decidemmo di inviare un curriculum come coppia a tre ONG italiane. Degl’amici ci dissero che ci sarebbero voluti mesi e mesi per avere delle risposte, invece nell'arco di due settimane ci arrivarono due proposte. Una per il Panama per un progetto sanitario ed una per lo Zambia per un progetto di microcredito affiancato da uno sanitario. Quest’ultimo sembrava fare il caso nostro. In questo modo entrambi avremmo avuto uno specifico progetto, insomma avremmo fatto il nostro lavoro!!
La decisione fu comunque molto, molto difficile!!
Vi spiego come è andata.
Deciso che tra le due proposte quella che ci aiutava meglio come coppia era quella del Ce.Lim (centro laici per la missione di Milano), ci siamo detti:
“Ognuno di noi ci pensi bene a quello che vuole fare, a cosa desidera e poi condividiamo la nostra riflessione”.
Dopo una settimana, ci ritroviamo, ci guardiamo negl’occhi e nessuno dei due ne era venuto a capo. Qualcosa mancava, nessuno di noi era convinto che quello che stavamo facendo fosse la decisione giusta: il partire per una terra lontana e sconosciuta e lasciare tutto e tutti, oppure rimanere qui a Padova.
A quel punto sentii forte nel mio cuore una proposta che subito condivisi con Alberto: preghiamo insieme e forse la risposta arriverà. Non so voi ma tra me e Alberto una delle maggiori distanze era proprio la questione: preghiera. Ognuno la viveva a modo suo, nel suo intimo, a suo modo. Ma quel giorno dovevamo prendere una decisione di coppia. Nei nostri Colli Euganei c’è un punto dove si lanciano con il parapendio. Da li ammiri dall’alto del monte la pianura e ti sembra di toccare il cielo, circondata da prati e silenzio.
Invocammo lo Spirito Santo con il canto e aprimmo la Bibbia tre volte. Alla terza lessi la lettura di San Paolo ai Romani in cui lui afferma che ognuno di noi ha dei doni ed è chiamato a metterli a disposizione nella sua comunità. Improvvisamente nel nostro cuore arrivò la certezza che la comunità che ci stava a spettando era quella di Siavonga in Zambia. Ancora una volta nella mia vita ho sentito che stavamo prendendo la decisione giusta a l momento giusto.
Difficile è stato condividerlo con i nostri genitori a cui siamo entrambi molto legati ma loro ci hanno dimostrato un AMORE straordinario dicendoci: andate per la vostra strada e che Dio vi benedica!!
Alla prossima.
Marta

La 1a puntata

La 2a puntata

La 3a puntata

La 4a puntata

La 5a puntata

La 6a puntata

SMA, via Borghero 4 - 16148 Genova - info(at)missioni-africane.it - Web Design & CMS RossiWebDesign/Siti Web Genova