Dario Dozio Natale 2012

palmaLa palma dell’ingresso è crollata ! Aveva resistito ai colpi di kalashnikov lo scorso anno e stava ancora in piedi nonostante il tronco crivellato e le foglie ingiallite. Non ha più dato una sola noce di cocco, ma era lì, vicino al portone della sma, come un simbolo di resistenza al male. Invece l’altro giorno si è accasciata con un grande schianto! Qualcuno dice sia un segno premonitore.
Alla gente di qui piacciono i segni. Tutti hanno qualcosa di strano da raccontarvi: apparizioni di morti, spiriti che adescano la gente ai bordi della laguna o folletti di foresta che ora arrivano anche in città... C’è chi giura d’aver visto la Madonna danzare sulla luna (pare l’abbiano anche ripresa col cellulare). I quotidiani parlano di statue che piangono, che ridono, che trasudano olio o sangue… Anche i Vescovi sono intervenuti per calmare il fervore mistico dei visionari e hanno chiesto prudenza ai fedeli. Poi ci sono i profeti politici, quelli del presidente in carica e quelli dell’altro, che sta alla Corte Penale Internazionale: gli uni conto gli altri armati di citazioni bibliche o versetti del corano. La guerra avrebbe dovuto ricominciare agli inizi di novembre, per terminare in gloria con il ritorno del loro messia il 28 dicembre prossimo. Parola del profeta Malachia (quello ivoriano).
E adesso arriva la fine del mondo! Eravamo già abituati alle previsioni dei Testimoni di Geova ma ora ci si mette anche la televisione francese, con il calendario dei Maya, gli allineamenti astrali e le profezie del medioevo europeo. Passato il 12.12.2012 senza nessun traumatismo particolare, adesso aspettiamo il 21 dicembre … e si vedrà.dario natale
A volte vorrei che arrivasse davvero la fine del mondo. La fine di questo mondo, con tutte le sue brutture, le guerre, i prepotenti che la fanno franca e che schiacciano ridendo la massa dei disgraziati di sempre. Anche da noi sono tanti quelli che mangiano una sola volta al giorno, che hanno perso il lavoro, tolto i figli da scuola perché non riescono più a pagare le tasse e, se hanno la malaria, aspettano che passi, magari con il rosario in mano e l’amaro in bocca …
Ed ora arriva Natale ! Ogni volta mi stupisco che il Signore venga ancora in questo nostro mondo. Fossi io al suo posto, ne cercherei un altro, sicuramente migliore. Invece lui no: si è appassionato proprio di questo, così com’è, e non lo lascia cadere. Ha un’incredibile fede in noi, e una speranza che non crolla mai, nonostante tutti i colpi ricevuti. Allora tengo duro anch’io e continuo a sperare.
Così auguro a tutti voi un buon Natale: un Natale da fine del mondo ( quello vecchio ! ) e un nuovo anno pieno di benedizioni.

p. Dario

SMA, via Borghero 4 - 16148 Genova - info(at)missioni-africane.it - Web Design & CMS RossiWebDesign/Siti Web Genova