Inviato dalla mia comunità. P. Giuseppe Brusegan in Angola

pSette anni dopo: P. Giuseppe Brusegan è partito per l’Angola.
Nel gennaio scorso P: Giuseppe Brusegan è arrivato nella Parrocchia Bom Pastor a Kikolo, nella periferia di Luanda, la capitale dell’Angola. Bilancio degli oltre sette anni trascorsi come animatore nella Comunità di Feriole.


Quali semi di Vangelo sono stati gettati nel tuo cuore in questi anni di permanenza a Feriole?

AMARE LA PAROLA DI DIO. Un pomeriggio, appena rientrato dal Benin, un signore bussa alla porta della nostra comunità e chiede di incontrarmi. Ci siamo seduti e mi ha parlato a lungo. Una sua frase mi è rimasta impressa: “Padre, ci aiuti a conoscere e ad amare la Parola di Dio”. Quella conversazione è stata per me un momento di grazia. E da quel giorno ho messo al primo posto la Parola di Dio, dando spazio ad un tempo di preghiera, di studio e di meditazione.
FARE COMUNITÀ. Ho sempre vissuto in comunità, ma in questi anni impegnati nell’animazione missionaria, ho capito ancora di più quanto sia importante “pensare insieme, lavorare insieme, andare in missione insieme” La vita comunitaria è stata ed è per me una buona scuola di ascolto, di dialogo, un buon terreno per costruire la fraternità.
VIVERE L’ACCOGLIENZA. Nella nostra casa, soprattutto verso la fine della settimana, bussano alla porta diversi africani. Uno di loro una volta mi ha detto: “Padre, tu sei stato nella mia terra ed hai visto come da noi lo straniero è “sacro” ed è bene accolto. Cerca di vivere in questa realtà italiana il grande valore dell’accoglienza africana… ed insegnalo ai tuoi fratelli bianchi”. Una frase che non dimenticherò mai. Accogliere l’Africano, accogliere ogni persona che bussa… essere là solo per quel fratello come fosse unico da amare.

Quali semi di Vangelo senti di aver gettato? Hai visto nascere e crescere qualche germoglio?

Un germoglio che ho visto nascere e crescere è quello della Comunità: una comunità composta di sacerdoti, religiose e laici che condividono il carisma missionario SMA-NSA. Un germoglio che ha richiesto un “ pensare”, “progettare” e “andare” insieme, nello svolgere le diverse attività e iniziative: quelle della comunità e quelle delle parrocchie della Diocesi.
L’altro germoglio è quello della Missione. L’identità missionaria della nostra comunità è cresciuta nella preparazione del tema dell’anno, nel contenuto e nei percorsi pensati e che proponiamo (GAG, Sankofa, Scuola della Parola, I Care). È cresciuta pure per le partenze in Africa che ci sono state in questi anni. Mi è caro ricordare i nomi di alcune persone con cui ho vissuto durante la mia permanenza in questa comunità di Feriole: i padri Martino, Ceferino, Carlos, Victor, Giampiero, Samuel, Filippo e sr Sandra. Ricordo pure con piacere i diversi giovani e adulti partiti per l’Africa per vivere un’esperienza in terra di missione. È vero che il loro soggiorno è durato poche settimane, ma l’impegno nella preparazione e la passione missionaria nata al loro ritorno, sono notevoli.
Un altro germoglio che ha dato respiro alla mia vita è quello delle relazioni interpersonali. I semi di speranza… di amore… di perdono… di abbandono alla volontà di Dio gettati nei diversi incontri hanno fatto germogliare e rinascere quelle vite distrutte e lacerate dalle offese, dalla mancanza di amore, dalla solitudine e dalla malattia. E perché non ricordare i germogli che ho visto crescere nel campo dell’animazione e dell’accompagnamento, come assistente, di alcuni movimenti dove la ricerca appassionata della Parola di Dio ha fatto germogliare frutti meravigliosi.

Con quali sentimenti vivi questa partenza?


Parto sereno. E’ una scelta che viene dopo aver pregato e aver fatto un serio discernimento. Qualcuno mi ha detto che forse rischio un po’ troppo, data la mia età e il mio handicap. Credo però che nella vita cristiana ci vuole sempre un “pizzico di follia”, quella che Gesù ci insegna: dare senza calcoli, rischiare per amore. Parto come inviato della mia comunità e dalla mia Chiesa di Padova e non a titolo personale. Parto fiducioso, perché sostenuto dalle preghiere e dalla testimonianza di vita di tante persone che con amore “partono con me”. Una persona mi ha detto: “La notizia della tua partenza l’ho sentita come un “Mandato” a partire con il mio cuore assieme a te in missione. Questo è bellissimo per me e motiva la mia vita, soprattutto ora che non riesco a camminare… Ti accompagnerò nel silenzio ogni giorno… Conta su di me…”.

SMA, via Borghero 4 - 16148 Genova - info(at)missioni-africane.it - Web Design & CMS RossiWebDesign/Siti Web Genova