Mons. Antonio Jaca: Una gradita visita

a jaca caxitoDi ritorno dal Sinodo dei Vescovi per l’Africa, Mons. Antonio Francisco Jaca, Vescovo di Caxito in Angola, ha voluto farci visita prima di ripartire per l’Angola.

La sua diocesi è stata creata solo due anni fa, smembrandola dalla grande Arcidiocesi di Luanda, la capitale dell’Angola.

I nostri padri SMA italiani, Renzo Adorni, Luigino Frattin, Angelo Besenzoni, Walter Maccalli e Ceferino Cainelli, sono in servizio nella sua diocesi nella missione di Kicolo; servizio che Mons. Antonio definisce “qualificato” per gli importanti impegni che sono stati a loro affidati, per la presenza importante anche in numero (5 confratelli su 15 preti che conta tutta la diocesi) e per la vasta e impressionante zona a loro affidata soprattutto nella periferia di Luanda dove si stima la popolazione a circa 300.000 abitanti.
a jaca caxito (2)
Dopo un pellegrinaggio alla Madonna della Guardia, il Vescovo di Caxito ha celebrato una S. Messa nell’oratorio di S. Erasmo di Quinto, dove don Giuseppe Cavalli e un buon numero di amici che sostengono la missione di Kicolo.

Dopo l’Eucarestia il Vescovo ha ringraziato per il sostegno materiale e spirituale e con semplicità e serenità, che ha impressionato i nostri amici-sostenitori, ha presentato le grande sfide alle quali deve fra fronte la comunità cristiana.

E la prima di tutte non è tanto la povertà materiale,ma quella spirituale, povertà di personale apostolico; povertà anche di luoghi di culto dove i cristiani cattolici possano riunirsi per riconoscersi, pregare insieme, sostenersi nella fede, presentare i loro problemi materiali e spirituali e trovare aiuto reciproco.
a jaca caxito (1)
“Quando, in Europa, chiediamo degli aiuti per costruire scuole o strutture sanitarie, molti fra i cristiani si dicono pronti ad impegnarsi; poco rispondenza si trova invece quando si chiede aiuto per la costruzione di un luogo di culto che è primordiale per la nostra gente”.

La comunità dei padri di Genova ha incontrato il Vescovo nella mattinata del 27 ottobre. Il nostro interesse era rivolto sul Sinodo per l’Africa appena concluso. Il 20% della popolazione africana vive ancora in uno stato di guerra o di pace appena iniziata.

Il Sinodo ha trattato soprattutto il tema della riconciliazione.
sito-caxitoIn Angola, dopo 30 anni di guerra civile finita nel 2002, molte persone hanno bisogno di ritrovare la riconciliazione. Ma questa non è possibile se non nel perdono chiesto e accettato. I tentativi dichiarati da tutti di dimenticare il passato non sono stati sufficienti: solo il perdono reciproco potrà dare una vera pace all’Angola a tutti i paesi che la cercano.

Per questo è importante dare spazio a un vero ministero dell’ascolto per guarire la gravi ferite dei cuori.

27-10-2009

p. Lionello Melchiori

foto:
1. Mons. Jaca con p. Lionello (sinistra) e don Giuseppe Cavalli dell'Oratorio di S.Erasmo di Genova Quinto
2. Con p. Angelo Besenzoni al Santuario della Guardia
3. Con alcuni padri SMA della comunità di Genova
4. Alla fine della Messa ci canta un canto angolano alla Madonna, Mamà Muxima

SMA, via Borghero 4 - 16148 Genova - info(at)missioni-africane.it - Web Design & CMS RossiWebDesign/Siti Web Genova