Ballottaggio delle elezioni presidenziali in Ghana

Ballottaggio delle elezioni presidenziali in Ghana

dicembre 2008
Bisognerà attendere fino al 2 gennaio per sapere chi sarà il nuovo Presidente del Ghana. Il candidato dell'opposizione, Atta Mills, ha un risicato vantaggio sull'avversario. Venerdì si vota a Tain, Brong Ahafo Region, in cui domenica si è rimasti senza materiale elettorale in corso di votazione.

L’ultimo aggiornamento fornito dalla Commissione Elettorale del Ghana, delle ore 16.37 del 30/12, riferito a 229 sezioni su 230, mostra il lieve vantaggio del candidato dell’opposizione Atta Mills (NDC). Ha ricevuto finora 4.501.466 voti, che corrisponde al 50,13% del totale.

Il candidato del partito che ha governato il paese negli ultimi 8 anni, Akufo-Addo (NPP), ha ottenuto 4.478.411 voti, 49.87% del totale.

La differenza tra i due è molto esigua: solo 23.000 voti su 8,7 milioni.

Secondo quanto riportato da AllAfrica.com, la radio nazionale del Ghana ha annunciato che la Commissione elettorale ritarderà la proclamazione dei risultati, date le discussioni ancora molto accese tra i due partiti in alcuni collegi elettorali, in cui sono sorte controversie.

Il sito della BBC riferisce invece di proteste da parte dei sostenitori di Atta Mills davanti alla sede della Commissione elettorale. Per questo sono stati schierati poliziotti e militari, con mezzi dotati di idranti.

Le proteste del NCD di Atta Mills vertono su 5 collegi elettorali dell'Ashanti Region, i cui dati resi pubblici darebbero un'inverosimile affluenza al voto del 99%. Secondo il NCD, bambini, stranieri e persone decedute sarebbero stati inclusi nelle liste elettorali. Il NNP a sua volta accusa gli avversari di aver intimidato i suoi elettori e osservatori nel Volta Region.

Sembra anche che il voto dovrà essere ripetuto nel collegio di Tain, Brong Ahafo Region, perché domenica è venuto a mancare il materiale elettorale nel corso della votazione.

Alcuni casi di violenze e di irregolarità nel voto, provenienti da varie regioni del paese, erano state fatte pervenire ieri alla Commissione degli Osservatori delle Elezioni.

Leggi il dispaccio
di MISNA delle 12.47, che cita fonti locali contattate telefonicamente.

In serata il presidente della Commissione elettorale, Kwadwo Afari-Gyan, in conferenza stampa, ha dichiarato che non si può proclamare nessun vincitore, finché nel collegio di Tain non siano effettuate le votazioni in modo completo e regolare. Si è fissato di votare il 2 gennaio. I due candidati hanno una differenza così ristretta di voti, che il quel voto può risultare determinante.

Ha anche dichiarato che in questi giorni di attesa la Commissione si dedicherà ad investigare sulle presunte irregolarità denunciate nell’Ashanti Region e nel Volta Region.

La missione di osservazione elettorale dell’Unione Europea in serata si è complimentata per lo svolgimento del secondo turno delle presidenziali, sottolineando che l’appuntamento si è svolto “in linea con gli standard nazionali e internazionali”, in un ambiente competitivo con libertà di movimento, di riunione e di espressione rispettato in tutto il territorio nazionale.

Nelle votazioni per il Parlamento, tenutesi il 7/12, in contemporanea con le presidenziali, il partito di opposizione, il NCD (National Democratic Congress) ha ottenuto il 50% dei seggi con 114 deputati su 228. Il NPP (New Patriotic Party) ne ha ottenuti 104 e gli altri partiti 7.

29-12-2008

Approfondimenti:

Vuoi conoscere tutte le elezioni che si sono tenute in Africa nel 2008 e negli ultimi anni? Consulta la pagina apposita di Wikipedia

SMA, via Borghero 4 - 16148 Genova - info(at)missioni-africane.it - Web Design & CMS RossiWebDesign/Siti Web Genova