Medicina tradizionale per combattere la malaria

Medicina tradizionale per combattere la malaria

novembre 2009
Secondo gli addetti al mestiere, che partecipano alla Quinta conferenza Pan-africana sulla Malaria, a Nairobi, incoraggiando l’uso delle medicine tradizionali africane a base di piante, si potrebbero evitare un milione di morti per malaria specialmente nelle zone rurali più povere, dove le persone non si possono permettere di comprare i medicinali.

“La malaria uccide moltissime persone in Africa,bambini e adulti, nonostante la disponibilità di cure gratuite in alcuni nazioni africane. Se da una parte è vero che alcuni governi in Africa, con l’aiuto di partner per lo sviluppo, curano gratuitamente la malaria a livello pediatrico, molti ancora non possono accedere a queste facilitazioni e ricorrono a cure fatte in casa”, dice Merlin Wilcox che si occupa della ricerca sui metodi tradizionali antimalarici.

Alcuni specialisti ritengono che le medicine ricavate da alcune piante che abbondano nel continente potrebbero essere utilizzate per salvare molte vite. In India, ad esempio l’impiego della tinospore coeditdia ha portato ad una riduzione delle morti di cinque, dieci volte.

E qua si evidenzia un altro problema: questa conoscenza dei sistemi tradizionali di cura si va perdendo. Gli studenti possono contribuire a preservarla e mantenerla creando un data base di queste piante e delle loro proprietà. In Tanzania nei villaggi rurali conducendo delle ricerche sulle medicine tradizionali Masai abbiamo scoperto che il 48% dei bambini che vanno scuola conoscono questi medicamenti naturali.

Educare ed istruire dunque le nuove generazioni a ricorrere ai rimedi tradizionali per curare le malattie che affliggono il continente e allo stesso tempo convincere agenzie per lo sviluppo, Chiese Evangeliche a rinunciare a combattere la medicina tradizionale africana. Modernità e tradizione possono unirsi in questa lotta contro la malaria.

Doumbo Ogobara direttore del Centro Ricerche sulla Malaria, in Mali, rileva la necessità di maggiori ricerche per evidenziare la reale efficacia terapeutica nell’impiego di medicine tradizionali antimalariche, e il suo collega Mahamadou Sissoko chiede prudenza nell’intraprendere questa scelta, commentando che le morti per malaria sono numerose anche tra chi fa uso, per la terapia, di piante tradizionali.

Adattato da Irin-news

15-11-2009

SMA, via Borghero 4 - 16148 Genova - info(at)missioni-africane.it - Web Design & CMS RossiWebDesign/Siti Web Genova