Nomi migranti

Nomi migranti

maggio 2012
Non sono scritti da nessuna parte. Sono solo nomi raccontati e commerciati da documenti e da incerte calligrafie migranti. I loro nomi hanno fatto la storia e la storia li ha confezionati per l'esportazione.Cancellati e riesumati tante volte e poi dimenticati tra i campi di detenzione e le polizie doganali.Nomi appena pronunciati che subito scappano e parlano sottovoce per non farsi scoprire.Nomi clandestini di rifugiati che migrano per sognare che la vita era altrove o da qualche parte.Nomi che si mescolano con i volti che rimangono impressi sulle fotocopie che nessuno crede.Nomi di sabbia e di viaggi improvvisati che fanno presagire un ritorno non previsto al paese che ormai non è più quello di prima.

Obayemy Azeez, Akiwande Abidemi, Aderibidge Adewale, Yobo Gadij Riger, Yobo Ange Ariel, Vickey Chank, Menyem Jean Calvin, Karpay Isaac, Diabate Vamoussa, Joseph Jackson, Tom Boukari, James Peeters, Adeyemi Aina, Adebayo Raimi, Koakou Affoua Rose, Conteh Alfred, Boly Al Assane, Doucouré Al Ahacane, Donfrack Hilaire, Sow Abou Fulgence, Kabeya Tsbangu, Cooper Josiah, Akanji Ibrahim, Ndjeck Thomas, Haidara Mohamed Cherif, Tapsoba Ernesthine Charlotte, Konare Minanfa, Boula Emmanuel, Nuafete Kapia, Yoka Bienvenu, Yinda Messanga Paul.

Nomi di briganti e di contrabbandieri di futuro. Nomi inventati per l'occasione e nomi spaesati dalle intemperie della vita. Nomi di assassini della mediocrità e nomi di ispirazione biblica. Le religioni incespicano nei nomi che lasciano filtrare paradisi lontani e oasi e viaggi nel deserto.Nomi che imbrogliano le partenze e nomi che scavano il passato scritto da qualche parte e poi dimenticato.

Okere Chidi Christian, Makale Guy, Sammayck Mamadou, Attebi Serikpa David, Kone Namogo, Foko Simplice, Dimoulou Fred Irma Manuel, Itoua Letso Nestor, Antsoue Aristide, Nono Silvère, Touré Ahmed, Njei Tiback Frankline, Peka Bijou Alice, Ngama William, Ilogui Adong Estelle Natacha, Elimbi Songue Mary Christine, Moudi Alain, Kandolo Kumbia Chouchou,Ndoumbe Essiben Jacques, Ndoumbe Georginia, Ediko Leon, Moses Favour Simon, Noundjeu Nana Gilbert, Magonza Schadrac.

Nomi cristianizzati dall'abitudine, colonizzati dalla lingua e islamizzati dal destino. Nomi che poi diventano schede e raccomandazioni per i prossimi tentativi. Nomi che scompaiono quando l'occasione si presenta e altri che sono scritti nel registro dall'eternità. Nomi di padri e di madri e di sorelle che solo quando sono lontane diventano importanti. Nomi di fratelli e amici e compagni di viaggio che forse non si incontreranno mai. Nomi di nascita e altri di convenienza. Nomi di migranti che non ricordano bene quelli di un tempo .Nomi che hanno rubato poche favole e tante lacrime al vento.

Magonza Madeleine, Magonza Joseph, Nelson Torh, Arielle Dan Enganaboye, Ayouni Yaven Walters, Ntata Josoue Djeumo, Uegene Combaky, Ngiaya Kabamba Michel, Nsimba Kabuiku Jean Baptist, Younis Collins,Antony Teah, Henry Tarpeh, Fato Jallah,Junior Tucker, Ernestine Gaye, Maxwell Newman, Jefferson Kamara, Jerry Jonhson,Bobby Corpe, Angel Vassi, Prince Mulbah.

Nomi che hanno creduto di mentire e altri che hanno scelto di tacere. Nomi importati per l'occasione e nomi di circostanza. Nomi difficili da pronunciare e altri impossibili da ricordare. Nomi di scomparsi e di risorti pronti per il giudizio universale. Nomi che fanno domande e altri che non danno risposte. Nomi scritti e nomi solo afferrati all'ultimo momento. Il primo di questi nomi si chiama Patient. Paziente. Perché i nomi sanno aspettare la buona occasione. E l'ultimo si chiama Merveille. Meraviglia. Che è partito ieri di mattina presto.

Mauro Armanino,
Niamey, aprile 2012.

SMA, via Borghero 4 - 16148 Genova - info(at)missioni-africane.it - Web Design & CMS RossiWebDesign/Siti Web Genova